COOKIE POLICY
Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Se non acconsenti all'utilizzo dei cookie di terze parti, alcune di queste funzionalità potrebbero essere non disponibili. Per maggiori informazioni consulta questa pagina.
Cliccando sul pulsante "ACCETTO" presti il consenso all'uso di tutti i cookie. Cliccando sul pulsante "NON ACCETTO" rifiuti l'impiego dei cookies.
ACCETTO
NON ACCETTO
Cos’è il dolore cronico?

Cos’è il dolore cronico?


Il concetto di dolore nociplastico può dare una spiegazione all'insieme di sintomi relativi al dolore cronico1 che è definito come un dolore che persiste o ricorre per più di 3 mesi. Nelle sindromi da dolore cronico, il dolore può essere l'unico o un sintomo principale e richiede un trattamento speciale e una cura adeguata.

Il dolore cronico è stato definito in precedenza come dolore che persiste oltre il normale tempo di guarigione e quindi manca la funzione di avvertimento acuto della nocicezione fisiologica. Il concetto di persistenza oltre la guarigione normale può essere applicato al dolore, ad esempio, dopo intervento chirurgico. La definizione dolore cronico è stata inserita nel formato dei “modelli di contenuto” come richiesto dall’OMS per l’ICD-11. L'introduzione del concetto di dolore cronico primario come nuova entità diagnostica riconosce le condizioni che colpiscono un ampio gruppo di pazienti con dolore che non sono adeguatamente rappresentati nelle categorie definite rigorosamente secondo l’eziologia somatica o psicologica. Grazie al successo delle neuroscienze comportamentali, anche i disturbi mentali non possono più essere considerati puramente non sistematici. Da notare che tutto il dolore cronico, incluso il dolore cronico primario, sarà codificato al di fuori dell'ambito dei disturbi psichiatrici. Questo si accorda maggiormente con l'attuale comprensione scientifica del dolore cronico e spesso si allinea meglio con i punti di vista dei pazienti stessi.2 Le 7 categorie principali di dolore cronico rappresentano un compromesso tra completezza e applicabilità pratica del sistema di classificazione.3

Il dolore cronico secondario è associato ad altre diagnosi con cause specifiche per le quali il dolore poteva essere inizialmente solo un sintomo: tra questi troviamo il dolore cronico correlato al cancro,4 il dolore cronico neuropatico, il dolore cronico viscerale, il dolore cronico post traumatico o post chirurgico, il dolore cronico secondario a cefalea o a dolore oro-facciale.

 

1. Kosek, E. et al. Do we need a third mechanistic descriptor for chronic pain states? Pain vol. 157 1382–1386 (2016).

2. Rief, W. et al. Redefining (somatoform) pain disorder in ICD-10: a compromise of different interest groups in Germany.

3. El-Tallawy, S. N. et al. Management of Musculoskeletal Pain: An Update with Emphasis on Chronic Musculoskeletal Pain. Pain Ther. 10, 181–209 (2021).

4. Bennett, M. I. et al. The IASP classification of chronic pain for ICD-11: Chronic cancer-related pain. Pain vol. 160 38–44 (2019).